STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
Una coppia porcellaMi sento porcellalo spettatoreMio nipote si chiava mia moglieMichela (2)il compleanno di mia moglie RitaLa prof di Matematicapur di sfondare mi sono fatta sfondare!!
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

La mia segretaria
Scritta da: NAPOLETANO (3)

Ho un'ufficio avviato al centro di Napoli da circa 6 anni, fino a 1 annetto fa' lavoravo da solo ma poi per esigenze ho preso con me a lavorare una ragazza di 27 anni Rosaria.
All'inizio della nostra esperienza lavorativa non nascondo che spesso mi sono sparato molte seghe su di lei, perche' dicendo la verita' e' davvero tosta come il marmo, ha un fisico scultoreo un gran bel culo che riesce ad esaltare alla grande perche' indossa dei jeans attillati con dei stivali che la slanciano ancor di piu' anche se e' alta circa 1.70 capelli neri , labbra carnose da pompinara ed una pelle chiara come una pesca con occhi azzurri il tutto condito da una faccia da zoccola esperta che sa il fatto suo.
I primi tempi ero davvero in difficolta' con lei non riuscivo a lavorare insieme perche' immaginavo sempre di scoparla o di farmi succhiare il cazzo tenendola in ginocchio sotto la mia scrivania, e pensando sempre questo non lavoravo bene ed avevo sempre il cazzo duro che si vedeva benissimo dai pantaloni e sinceramente sono sicuro che lei se ne accorgesse di cio' e quasi lo facesse apposta.
Dopo circa 6 mesi che andava avanti sta storia una sera verso le 19 lei viene in stanza da me e mi dice che mi avvisava che entro un mese circa lei lasciava il lavoro per trasferirsi a Perugia poiche' aveva trovato un lavoro piu' redditizio.
Sinceramente credo che quell'occasione me l'abbia mandata il buon Dio!
Le dissi che mi dispiaceva tanto questo suo andare via e che avrei potuto senza problemi coprire la differenza di paga in modo da evitarle il trasferimento in modo di non causare nemmeno a me problemi nel cercare una sostituta.
Rosaria all'improvviso mi sembro' molto turbata nel sentire queste mie parole infatti si sedette e mi disse delle parole che penso qualsiasi uomo sulla faccia della Terra almeno una volta ha sognato : Io non voglio assolutamente andar via da qui , io voglio solamente che tu mi scopi perche' non riesco piu' a stare insieme a te senza poterti toccare.
Credetemi ragazzi mi sembrava un sogno, la mia segretaria bona come il pane che mi chiedeva di scoparla..... Ma ho sentito bene? E' uno scherzo?
Mi avvicinai a lei ed abbracciandola le feci scivolare la mia lingua in bocca baciandola e passandogli la lingua tra le orecchie mentre lei mi toccava il cazzo dai pantaloni strusciando anche il suo culo contro di me.
Scendendo incominciai a leccarle i capezzoli, duri come chiodi quasi avrei potuto appenderci la camicia che lei mi aveva tolto, lei si sedette ed aprendomi la patta dei pantaloni si porto' verso il mio cazzo per succhiarlo facendolo scomparire nella sua bocca insalivandomi dalla punta alle palle mentre mi sditalinava il buco del culo con un dito.
Le spingevo la testa verso il mio cazzo quasi senza farla respirare impedendole di staccarsi dal mio cazzo nemmeno per respirare un secondo, a quel punto non riuscivo piu' a trattenere la feci mettere a pecora sulla mia scrivania e lei da esperta della scopata (come io avevo sempre pensato dal primo giorno) mise una gamba sulla sedia in modo da esporre tutto il suo culo ancor piu' aperto ed incomiciai a stantuffarla nella fica cercando di gustarmi il piu' possibile quel momento.
Lei ansimava dal piacere e si teneva addirttura una natica con la mano in modo da aprirsi mentre io non riuscivo a credere che in quel momento avevo il mio cazzo nel suo corpo, quel corpo che mi aveva fatto segare piu' volte al giorno anche durante il lavoro ed a modo mio volendola punire la scopavo come un forsennato mentre lei godendo diceva ..... Si si dai cosi, scopa la tua segretaria, fai il capo, i capi si fottono sempre le porche delle loro segretarie...Dai sbattimelo dentro
Al sentire di quelle parole tirai il cazzo fuori dalla fica e lo poggiai sul suo culo - Rosaria insalivando la sua mano si bagno il buco in modo che io potessi entrarle nelle sue viscere cosi le spinsi tutto di un botto i miei 23cm nel suo culo la sentii in quel momento stringersi alla scrivania mentre io da dietro la scopavo con forza sentendo le pareti del suo culo cedere al mio cazzo, non riuscii per molto ad andare avanti cosi infatti le sburrai tutto il mio nettare nel buco del culo lei accorgendosi di cio' mi fece promettere che la prossima volta glielo avrei fatto assaggiare.
Da quel giorno sono trascorsi 4 mesi e tutte le sere prima di andar via dall' ufficio le faccio delle belle sborrate in bocca.......Ciao Rosaria

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 263): 6.77 Commenti (27)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10