STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
galeotto fù il caminoLa migliore amica di mia moglie nonché la moglie del mio migliore amicotanti cazzi per la prima voltala zia..e la sua amicaPer dimostrarti che sei cornutoCi scopiamo insieme mia mogliela clienteLa mia ragazza si tromba il muratore
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

appuntamento al cine
Scritta da: simo72 (22)

Ciao porcellini, la telefonata è arrivata. Quale? Ricordate il racconto "La donna dai capelli blu". Era terminata, dopo aver goduto come una maialina in bagno, con la promessa che mi avrebbe chiamata. Domenica pomeriggio ricevo la telefonata "Ciao sono Mariangela." silenzio non conosco nessuna con questo nome. "Scusa al cine non ti avevo detto il mio nome. Ricordi........"
"Ciao, certo che ricordo." Le immagini della nostra performance riapparvero ancora più eccitanti nella mia mente.
"Ti va se ci vediamo questa sera."
"Certamente mi farebbe molto piacere... dove"
"Anch'io sono molto contenta di rivederti e anche mio marito. Ci vediamo al Cine...... sai dov'è?"
"Certo a che ora............."
"Mi raccomando indossa la gonna, ciao"
Ero eccitata, sia per l'appuntamento, sia per l'ordine d'indossare la gonna.
Puntuale arrivarono, la riconobbi dalla chioma riccia e bionda, il marito che al primo incontro non avevo considerato non era per niente male. Alto brizzolato vestito alla moda. Entrammo, la sala era in penombra e il film stava x iniziare. Io ero seduta fra di loro nell'ultima fila. Eccitata li guardavo non sapendo cosa mi aspettasse. Dopo i convenevoli eravamo entrati senza dire una parola. Il film iniziò e poco dopo iniziarono anche le sorprese.
La mano di Mariangela iniziò ad accarezzarmi le cosce sempre più a fondo, sfiorando il mio tanga. sentivo le sue dita infilarsi sotto l'elastico e toccare le labbra calde. Io rimasi ferma, volevo godere del loro gioco. Le sue dita mi accarezzavano la fighetta liscia e calda e timidamente mi penetravano. Chiusi gli occhi e assaporai il dolce piacere. Poco dopo sentii al posto delle dita un oggetto duro piccolo, Mariangela lo spinse tutto nella mia fighetta. non riuscivo a capire cosa fosse, immaginai fosse un piccolo vibratore. Si avvicinò all'orecchio e mi disse: "Tranquilla vedrai ti piacerà."
Poco dopo sentii una piccola vibrazione che cresceva sempre più. Il piccolo oggetto iniziò a vibrare dentro la mia figa calda. Stavo impazzendo dall'eccitazione. Mariangela comandava la vibrazione a suo piacimento, mentre io mi bagnavo sempre più. non sapevo come mettermi tanto era il piacere. Accavallavo le gambe tenendo dentro di me l'oggetto animato, le allargavo e sentivo le cosce bagnate dal mio godimento. Mariangela godeva a vedermi godere, giocava ad eccitare la mia figa. Il marito mi guardava senza dire nulla, fino a che mi prese la mano e la portò sulla sua asta. Calda, dura e il suo cazzo non mi sembrò non per niente piccolo. la mia mano lo strinse forte ed inizio a menarlo. Mariangela mi prese la sinistra e l'infilò fra le sue gambe. Era senza mutande e le mie dita accarezzandole la figa la penetravano. Ragazzi con la mano destra stavo facendo una sega al marito, con la sinistra un ditalino a Mariangela e dentro la mia figa bollente un oggetto non identificato mi procurava spasimi di piacere. Minuti interminabili, momenti di massimo godimento. Ero un lago di piacere.
Sentii fra le dita della mano destra il cazzo irrigidirsi sempre più. Aumentai la velocità fino a che il liquido caldo colò sulla mia mano. Diminuii la velocità ma continuai a menarlo piano piano assaporando il mio e il suo piacere. La vibrazione nella mia fighette s'interruppe ma la sentivo palpitare tanto era stato i piacere. Rimaneva Mariangela, l'unica a non aver goduto a pieno.
Si alzò e spostandosi di posto si mise in ginocchio davanti al marito. la sala era buia e le immagini scorrevano sul telone, ma vedevo con piacere la sua bocca scorrere sul cazzo del marito che pian piano riprendeva vigore, ritornando ad essere duro fino a che si alzò e si sedette sulla sua asta. Il cazzo scomparve nella sua figa e muovendosi lentamente lo cavalcava. Raggiunse l'orgasmo mentre io stavo venendo per l'ennesima volta.
Eravamo tutti soddisfatti felici e contenti anche se del film non avevamo capito nulla, pazienza, quale migliore occasione per ritornare a vederlo.................
Un bacione porcellini

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 21): 7.19 Commenti (127)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10