STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
UNO SCONOSCIUTO AL CINEMALa direttrice di banca fa i pompini continuoIl mio sogno diventa realtà....Bagno a treL'Idraulico 1circoncisoMia suocera...Abuffata di corna...
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

falli da dietro
Scritta da: Stichus (5)

FALLi DA DIETRO

Non volevo inizialmente accettare l’incarico di allenatore della squadra femminile di calcetto della mia classe, poiché sapevo che Sofia, la mia ragazza, non l’avrebbe presa bene; tuttavia di fronte alle insistenze della mia professoressa d’educazione fisica accettai a malincuore.
Sofia, davvero una bella ragazza, mora, non altissima, quarta di seno e un bel culetto che fa gola ai suoi molti spasimanti, cominciò la sua solita scenata di gelosia che culminò con una sfida “Domani mi iscrivo anche io al torneo con un’altra squadra.”
-“ma se non sai giocare?”
-“imparerò”

Passarono diversi giorni in cui ci vedemmo poco o niente, venni a sapere da una sua compagna che si era iscritta ad una squadra e che aveva giocato anche una partita, tra l’altro vinta.
“complimenti fra un po’ diventerai una fuoriclasse… ahah”
“spiritoso, guarda che ho giocato dieci minuti !”
“ma se era la fine e vincevate tre a zero… ahah”
“che centra devo pur cominciare,e poi Luca e Giacomo dicono che sono molto portata”
Luca e Giacomo erano due sue compagni di classe che sapevo avevano un debole per lei, subito intuii che per ingraziarsela la facevano giocare anche se come ben sapevo il calcio era tabula rasa per Sofia.

Il giorno in cui le nostre squadre si sarebbero incrociate si avvicinava…
decisi pertanto di spiare senza farmene accorgere l’allenamento.
assistei agli strafalcioni della mia ragazza che cadde più volte goffamente a terra.
L’allenamento era ormai finito quando i mister proposero a Sofia di trattenersi ancora un po’, lei allora accettò e continuarono l’allenamento.
“devi riuscire a smarcarti dall’avversario” e con questa scusa ne approfittavano per palparle il sedere e il grosso seno. Strusciavano i loro pacchi sul sedere di Sofia.
Luca appoggiò una mano sul suo seno stringendolo.
“guarda che la palla non si prende con le mani” lo corresse Giacomo.
Sofia arrossì.
“qui ci sono troppi palloni in campo”
Sofia si ritrovo nella morsa di 4 mani desiderose del suo corpo… non un accenno a liberarsi, sembrava come in estasi…
nel giro di pochi minuti si ritrovò nuda al centro del campo con Luca che giocava con le sue tette e Giacomo che rovistava tra la sua peluria…
i suoi sospiri risuonavano nella palestra deserta, le dita nella sua passera le procuravano grande piacere che ella per nulla tentava di mascherare.
Vedere la sua lingua fondersi prima con quelle dei suoi due compagni di classe e poi con le cappelle dei loro cazzi eretti mi provoco una strana sensazione.
Leccava e succhiava ora l’uno ora l’altro membro…
“dai palleggia con la lingua un po’”
“ si brava sei portata per i palleggi con la lingua ahaha”

La sistemarono su una panchina a pancia in su, spalancatole le gambe Luca cominciò a scoparla velocemente, mentre Giacomo posizionò il suo bastone tra le tettone…
“finalmente posso anche giocarci oltre che vederle ballonzolare per tutta la mattina”
Si alternarono piu volte tra la fica ormai fradicia e le tettone…
“ stai bagnando tutto il campo sai come si scivolerà domani? ahah”
Sofia non rispondeva agli insulti, godeva, le uniche parole che pronunciava erano incitamenti a farla godere.
“dai alzati e girati”
Subito colpirono con sonore pacche il culetto di Sofia che non tardo a farsi rosso.
“Piegati”
Luca si posizionò dietro Sofia e mentre la scopava comincio a infilare prima uno poi due dita nel culetto…
Era vergine dietro tuttavia non esitò ad offrire il suo buchetto posteriore prima a Luca e poi a Giacomo che dall’eccitazione le venne nel sedere.
Luca invece fattala inginocchiare le posiziono il cazzo tra le tette che presto furono ricoperte dalla sua densa sborra.
L’immagine di Sofia che leccava le tette imbrattate mi indigno spinendomi ad abbandonare la visiono di quello spettacolo umiliante ma anche devo ammetterlo un po’ eccitante.

Il giorno seguente ci fu la partita, vincemmo tre a uno… all’uscita dal campo chiesi a Luca perché Sofia non era venuta alla partita, avendo ella più volte affermato di voler scendere in campo contro la mia squadra nei giorno passati.
“Mi spiace ma non era in grado di giocare, ieri ha preso troppi falli da dietro”
e se ne andò ridendo.

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 40): 6.13 Commenti (5)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10